Monti Invisibili

Alpe Adria Trail - Tappa R5 Tarvisio - Rifugio Zacchi

Quota 1.380 m

Data 13 giugno 2018

Sentiero segnato

Dislivello in salita 965 m

Dislivello in discesa 335 m

Distanza 22,12 km

Tempo totale 8:23 h

Tempo di marcia 5:55 h

Descrizione Da Tarvisio (752 m) per Coccau di sopra (783 m, +1,32 h), la passerella sul Torrente Slizza (655 m), San Antonio (765 m, +50 min.), Aclete (825 m, +1,10 h), il Lago di Fusine inferiore (924 m, +53 min.), il Lago di Fusine superiore (944 m, +10 min.) e il Rifugio Zacchi (1.380 m, +1,20 h). Due ore e mezza bloccato dalla pioggia.

06AATR5log

Traccia GPS

07AATR5dislivello
050RifugioZacchi.JPG049RifugioZacchicena.JPG048RifugioZacchi.JPG047VersoRifugioZacchi.JPG046LagodiFusinesuperiore.JPG044LagodiFusinesuperiore.JPG041LagodiFusineinferiorepioggia.JPG040LagodiFusineinferiore.JPG039LagodiFusineinferiore.JPG037LagodiFusineinferiore.JPG036LagodiFusineinferiore.JPG035LagodiFusineinferiore.JPG034LaghipiccolidiFusine.JPG033AlpeAdriaTrailsecondatappa.JPG032CiclabileperlaSlovenia.JPG031VersoLaghidiFusine.JPG029AlpeAdriaTrailsecondatappa.JPG027Lumache.JPG025PasserellasulTorrenteSlizza.JPG024AlpeAdriaTrailsecondatappa.JPG023ForestadiTarvisio.JPG022TarvisioAlpeAdriaTrail.JPG

Lago inferiore di Fusine, 13 giugno 2018. Tappa varia e interessante oggi, che salendo ripida sopra Tarvisio ha poi seguito un boscoso sentiero a mezza costa, popolato di enormi lumache che se c’inciampi, cadi.

Dall’abitato di Coccau (quante volte l’ho sentito nominare a Onda Verde), ci si precipita nel bosco su uno scalettato sentiero artificiale, fino a una spettacolare passerella sospesa che oltrepassa le erose sponde del Torrente Slizza.

In sereno e assolato cammino – nonostante un meteo che promette piogge intense – eccomi sulla ciclabile della vecchia ferrovia, diretta in Slovenia e costellata di slavi toponimi che suonano esotici alle mie orecchie, come la vicina Kranjska Gora.

Una strada forestale si arrampica ora verso il borgo di Aclete, in un paesaggio che la quota modesta e la presenza di faggi fa sembrare a tratti simile al nostro Appennino.

Verso i Laghi piccoli di Fusine inizia una pioggia insistente e in pochi minuti sono finalmente al riparo sotto la tettoia di un ristoro sulla sponda del Lago di Fusine inferiore. Una gemma di acqua smeraldina incastonata fra vette e foreste.

 

Rifugio Zacchi, 1.380 m, 13 giugno 2018. “Il Friuli è un piccolo compendio dell'universo, alpestre piano e lagunoso in sessanta miglia da tramontana a mezzodì”.

Queste parole di Ippolito Nievo ho sperimentato oggi, nel solitario cammino di questa bella tappa che in un’ampia variabilità meteorologica mi ha riservato foreste di faggi e di abeti, borghi remoti e prati fioriti, gemme di acque e di vette alpine intorno a questo rifugio nel cuore delle Alpi Giulie.

Sopra tutto, appunto, la splendida conca dei Laghi di Fusine, specchi glaciali incastonati in fitti boschi di abete rosso, alla base della catena del Monte Mangart.

Laghi dai mille toni e dalle altrettante sfumature che la pioggia battente, che mi ha bloccato per oltre due ore in compagnia di un sigaro toscano, non ha reso meno densi e affascinanti.

E poi la salita, in un bosco stillante acqua, verso questo rifugio alpino, sereno e tranquillo, nel miglior stile di queste montagne.

Create a website